LA CATTEDRALE

 

Monumento Nazionale. La Chiesa Madre dedicata all’Assunta, fu venerata da San Casto, cittadino caleno, vescovo e martire del I° secolo. La Cattedrale, di stile romanico, domina la collinetta che sovrasta la Casilina al cui centro spicca il portale d’ingresso costituito da un  lunettone in marmo circondato nella parte superiore da un fregio attribuito al maestro Taddeo da Sessa.

 

Costruita con ogni probabilità nell’ultimo quarto del sec. XI, nel momento di trapasso dalla dominazione longobarda a quella normanna, conserva di quest’epoca alcuni importanti resti scultorei.

 

Tra questi vanno citati: il pulpito (ambone) di marmo sorretto da due colonne che poggiano su due leoni, anch’essi di marmo, con le teste rivolte all’altare; un vero gioiello d’arte deve considerarsi la cattedra di marmo sostenuta da due animali bardati (forse tapiri), anch’essi dì marmo; un residuo di colonna romana, con capitello ionico a foglie e fiaccole, forma il Battistero; sotto il presbiterio, infine, si trova la cripta sorretta da 21 colonne di granito cipollino, lisce o scanalate, con capitelli, ognuno diverso dall’altro, provenienti dall’antica Cales.

 

Annessa alla Cattedrale, l’antica sacrestia in cui gli 88 medaglioni, che raffigurano la serie di Vescovi dell’antica sede episcopale dì Calvi sono stati, dì recente, completamente restaurati.

 

Cattedrale Lato Est

 

Torna indietro